La storia: i primi anni

LOGO FORZA E VIRTUFondata a Novi Ligure il 16 ottobre 1892, l’associazione sportiva Forza e Virtù, come recita l’art. 1 dello Statuto sociale tuttora in vigore, “ha nel suo nome prefisso lo scopo: educare il corpo negli esercizi ginnico sportivi perché la fibra sostenga l’animo nel raggiungimento della virtù privata e civile”.

L’inizio dell’attività fu immediato e subito intenso: vennero organizzati concorsi e gare ginniche, partecipazioni ad attività in campo nazionale ma anche Internazionale. Si può ben dire che dalla data di fondazione ad oggi, è passata nelle palestre della Società tutta la migliore gioventù novese.

La difesa e l’esaltazione dei valori morali dello sport, a cui fa riferimento lo Statuto, giustifica ed ispira ogni atto della “Forza e Virtù”, per cui si può con ragione affermare che la Società è l’anima di Novi Ligure, non solo sportiva. Con la Ginnastica nacquero la Scherma ed il Podismo, quindi la sezione dedicata all’Escursionismo al cicloescursionismo ed al ciclismo che diede origine al Veloce Club Novese.
Dal 1898 iniziava l’attività della sezione Calcio che sarebbe poi sfociata nella fondazione del Novi Football Club trasformato poi nella Unione Sportiva Novese. Il 13 maggio 1909, partì da Milano il primo Giro d’Italia, nell’elenco dei 166 iscritti alla competizione troviamo, con il pettorale numero 73, il ciclista Luigi Como di Novi Ligure della Società Forza e Virtù.